Colatura di Alici di Cetara, un nuovo passo avanti verso la Dop

Di : | 0 commenti | On : 04/04/2018 | Categorie: : AgriCultura

Colatura di Cetara
FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Nuovo passo verso la Dop per la “Colatura di Alici di Cetara”. Il prezioso liquido utilizzato in cucine blasonate e dalle semplici massaie presto potrebbe essere tutelato dal marchio di denominazione di origine protetta. Proprio per mettere a punto gli ultimi dettagli del disciplinare di produzione, i diretti interessati hanno sostenuto un nuovo viaggio in terra romana.

24312486_10213703508794524_6216435766359355185_n

Alla trasferta negli uffici del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali hanno preso parte il presidente dell’Associazione per la promozione della Dop Lucia Di Mauro accompagnata dai componenti del comitato tecnico Secondo Squizzato e dal professore Vincenzo Peretti, docente della facoltà di veterinaria Federico II di Napoli, esperto di riconoscimenti di marchi di origine comunitaria.

La colatura di alici di Cetara,  nettare ambrato e dal profumo pungente, è universalmente considerato l’erede dell’antico garum dei Romani. Un liquido che porta il nome di Cetara in giro per il mondo, la lavorazione che porta al prodotto finito è lunga e complessa. Il disciplinare prevede che le alici provenienti dal golfo di Salerno (in primavera fra aprile e maggio) vengano poi eviscerate a mano e disposte a strati alterni sotto sale e pressate nei terzigni di legno. Dalla foratura dei terzigni arrivano poi le gocce di colatura che vengono raccolte in bottigliette di vetro.

cetara-avanza-il-percorso-della-dop-per-la-colatu-185906

“Un rituale antico che si vuole rendere eterno con un disciplinare di produzione ed il marchio Dop, tutti strumenti indispensabili per la tutela e la valorizzazione del prodotto e per garantire i consumatori a diffidare dalle tante imitazioni che ci sono in giro e che poco o niente hanno a che vedere con Cetara e la sua remota tradizione” spiegano i diretti interessati.

Share This Post!
Recipe Ads

Recipe Ads
  • Tenuta Romano                       Saviano (Na)
    Tenuta Romano Saviano (Na)
    Carrè di vitello
  • Casa Lerario                                   Melizzano (Bn)
    Casa Lerario Melizzano (Bn)
    Zampone allo zabaione
  • Vasinicola               Caserta
    Vasinicola Caserta
    Pasta e patate con la provola
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Tartare di gambero rosso con julienne di seppioline e mentuccia
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Polpo alla brace su vellutata di zucca
  • Casa
    Casa
    Grigliata di salsicce ed hamburger
  • Made in Food      Posillipo
    Made in Food Posillipo
    Penne lardiate nella pagnotta di Filosa
  • La Locanda del Profeta
    La Locanda del Profeta
    Lo Scarpariello di Simone Profeta
  • Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartare di tonno con funghi e tartufo
  • Taverna Estia          Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carne di Maiale
  • Taverna Estia               Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carciofi cotti in olio extravergine, affumicati e farciti con spuma al pecorino, guanciale e tartufo nero
  • La Bifora                                       Bacoli
    La Bifora Bacoli
    Salsiccia di pezzogna con i friarielli e panino al nero di seppia
  • Acqua e Sale                               Scafati
    Acqua e Sale Scafati
    Gambero su crema di ceci
  • Terrazza Calabritto Napoli
    Terrazza Calabritto Napoli
    aragosta
  • Pizza nel rutiello
    Pizza nel rutiello
    E' Guagliune Pomigliano d'Arco