Il “Nocciolo” della questione

Di : | 0 commenti | On : 08/01/2017 | Categorie: : AgriCultura, Eventi

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Lo Sviluppo della filiera della Nocciola Avellana  per la valorizzazione del territorio e delle piccole imprese agricole.

 

programma convegno

Le nocciole della Campania hanno due cuori. Uno batte ad Avella, l’altro a Giffoni. Avella, vicina a Nola e non lontana da Napoli, deve il suo stesso nome alle nocciole, o, forse, viceversa. Insomma, i latini chiamavano la nocciola nux avellana, o semplicemente avellana. Va da sé che, più di duemila anni fa, Avella (che allora era più importante della vicina Avellino, come risulta chiaro dal diminutivo adoperato per quest’ultimo toponimo) fosse già famosa per la coltivazione del piccolo frutto con l’elmetto. Ne parlarono nei loro trattati, fra gli altri, Catone e Plinio. Questa millenaria tradizione sviluppatasi nel Vallo di Lauro – Baianese, lungo un tratto dell’antico Clanis, ha prodotto un ricco assortimento di varietà: la Mortarella e la San Giovanni, a frutto allungato, coprono insieme più di due terzi della produzione, destinata soprattutto alla pasticceria; la Tonda Bianca e la Tonda Rossa di Avellino, la Camponica e la Riccia di Talanico sono apprezzatissime, invece, per il consumo diretto.

La Nocciola Avellan/Irpina, con il suo forte legame storico, culturale e socioeconomico con l’area geografica di provenienza, può rappresentare una carta vincente per il mondo rurale del comprensorio, in quanto garantirebbe, da un lato, il miglioramento dei redditi degli agricoltori e favorirebbe, dall’altro, la permanenza della popolazione rurale nelle zone suddette. Le caratteristiche di qualità della Nocciola Avellana/Irpina sono strettamente connesse alle caratteristiche del territorio di origine ed alle metodologie di coltivazione

In definitiva, la “tipicità” della Nocciola Avellana può essere legata, in primo luogo alle caratteristiche della “materia prima”, connesse ad una relazione tra l’origine geografica e le varietà coltivate, in base a motivazioni di vocazionalità. Nel caso della Nocciola irpina, tale caratteristica è riscontrabile direttamente nella presenza sul territorio delle tipiche varietà “Mortarella”, ”San Giovanni” e “ Tonda di Avellino” ,che insieme ad altre varietà, pur numericamente ridotte, rappresentano potenzialmente un’insieme di cultivar di grande interesse per la corilicoltura Italiana.

nocciole2

Non vanno tuttavia sottaciuti elementi di potenziale difficoltà, ed in particolare la relativa frammentazione della proprietà che non consente di ottenere economie di scala, nel processo produttivo e nella fase di commercializzazione, se non attraverso il perseguimento di una politica di gestione di alcune fasi della filiera in forma associata.

Le potenzialità di mercato sono molto alte se si tiene conto che l’Unione Europea è deficitaria di frutta secca ed è il primo importatore mondiale con un trend in continuo aumento. Questo continuo aumento è dovuto alla domanda dell’industria dolciaria che sta aumentando grazie allo sviluppo tecnologico agroalimentare ed alla diversificazione delle forme di consumo. Tuttavia la competizione è molto forte sul fronte dei costi di produzione, se si tiene conto delle differenze strutturali rispetto alla frutticoltura intensiva, alla forte organizzazione produttiva e commerciale degli altri Paesi produttori ed al basso costo di manodopera di alcuni Paesi come la Turchia.

Dalle indicazioni sopra espresse è maturata la convinzione che un processo di crescita della coltivazione del nocciolo debba essere perseguito attraverso azioni congiunte orientate non solo alla definizione di un disciplinare ed alla creazione di un marchio collettivo d’area o di una De.Co.(Denominazione Comunale), ma anche alla valorizzazione del prodotto, al miglioramento delle tecniche di produzione, al potenziamento degli attuali livelli produttivi ed alla messa a punto di una idonea strategia di marketing per la promozione e la valorizzazione del prodotto/territorio.

Le nocciole rappresentano sicuramente un prodotto di qualità che va meglio qualificato e valorizzato caricandolo di valore aggiunto, costituito non solo delle sue peculiari caratteristiche organolettiche, tecnologiche e merceologiche ma anche dalla storia, dalla cultura, e dalle tradizioni gastronomiche legate alla corilicoltura fin dai tempi antichi.

Share This Post!
  • Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Frittura di gamberi e calamari
  • Mattina 8
    Mattina 8
  • Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Montanara con la Genovese
  • Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
  • La Lanterna Mugnano del Cardinale
    La Lanterna Mugnano del Cardinale
    Paella Valenciana
  • Osteria Signora Bettola               Napoli
    Osteria Signora Bettola Napoli
    Il ragù
  • Risotto
    Risotto
    Paolo Gramaglia
  • Tenuta Romano                       Saviano (Na)
    Tenuta Romano Saviano (Na)
    Carrè di vitello
  • Casa Lerario                                   Melizzano (Bn)
    Casa Lerario Melizzano (Bn)
    Zampone allo zabaione
  • Vasinicola               Caserta
    Vasinicola Caserta
    Pasta e patate con la provola
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Tartare di gambero rosso con julienne di seppioline e mentuccia
  • Made in Food      Posillipo
    Made in Food Posillipo
    Penne lardiate nella pagnotta di Filosa
  • Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartare di tonno con funghi e tartufo
  • Taverna Estia          Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carne di Maiale
  • Taverna Estia               Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carciofi cotti in olio extravergine, affumicati e farciti con spuma al pecorino, guanciale e tartufo nero
  • La Bifora                                       Bacoli
    La Bifora Bacoli
    Salsiccia di pezzogna con i friarielli e panino al nero di seppia
  • Terrazza Calabritto Napoli
    Terrazza Calabritto Napoli
    aragosta
  • Zeppola di San Giuseppe
    Zeppola di San Giuseppe
    Sabatino Sirica