Cetara, ritorna la festa della colatura aspettando la Dop

Di : | 0 commenti | On : 01/12/2017 | Categorie: : Eventi

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Ritorna la “Festa della Colatura di Alici”. L’evento è in programma a Cetara il 2 e 3 dicembre, che coincide con la spillatura del liquido ambrato in corsa verso il riconoscimento del marchio Dop.  L’evento, promosso dal comune di Cetara, in collaborazione con l’associazione per la “Valorizzazione della colatura di alici Dop” e con il contributo della Regione Campania.

«E’ la festa di ogni singolo cetarese che ha sviluppato con gli anni un forte senso di appartenenza al nostro territorio. E’ grazie ai loro racconti se oggi Cetara emerge con una forte identità. Il nostro impegno – spiega il sindaco Fortunato Della Monica – richiede costanza e quotidiana attenzione per mantenere alta la qualità di un prodotto che rispecchia la bellezza, la storia e il gusto del mare di Cetara».

La “Festa della Colatura di Alici” si apre il 2 dicembre con il contest culinario “Premio Ezio Falcone 2017”. A partire dalle ore 12, all’Hotel Cetus, dieci appassionati di cucina si sfideranno ai fornelli ispirandosi al tema “La colatura di alici di Cetara 2.0″, tra tradizione e Innovazione”. In gara si sfideranno: Cristina Castillitti con Cinzia Martellini Cortella, Sabrina Gasparri, Anna Laura Mattesini, Pasquale Alberico, Federica Gatto, Emmanuele Ferroro, Marco Panuozzo, Mario Argentino, Francesco Bonito, Michela Festa.
I loro piatti saranno valutati dagli ambasciatori della colatura: gli chef stellati Peppe Guida e Cristian Torsiello,  gli chef Fabiana Scarica e Franco Tammaro, esperti del settore gastronomico come Barbara Guerra, Albert Sapere e la giornalista Antonella Petitti.

«Tradizione ed innovazione sono i due aspetti che caratterizzano la colatura, prodotto sempre più ricercato. L’entusiasmante gara, che cresce di anno in anno, nasce con l’intento di promuovere e diffondere la versatilità di un prodotto sempre più utilizzato – ha chiarito Angela Speranza, assessore alla Cultura e al Turismo –  Un momento di confronto che coinvolge esperti ed appassionati del settore, un’occasione per rimarcare l’attenzione sullo stretto legame tra cibo e territorio. Un binomio vincente per un piccolo paese come Cetara, capace di trovare col tempo la sua specifica connotazione turistico-culturale».

Continuando, il 2 dicembre, nella Sala Polifunzionale M.Benincasa, alle 18.30, si parlerà di “Storia, territorio e dop: qualità per condividere una strategia di insieme”. Prevista la presenza del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e del professore Vincenzo Peretti, esperto di denominazioni comunitarie. A seguire, in Piazzetta Grotta, ci sarà  la spillatura della colatura di alici e la degustazione dei piatti tipici a base di colatura a cura dei ristoratori di Cetara.

«E’ stato un anno importante, impegnativo ma fruttuoso, che ha visto concludere la prima fase del nostro lavoro e dare il via all’iter burocratico verso la Dop. Dopo l’approvazione dell’Amministrazione Regionale Campana siamo in una fase di confronto con il Ministero delle politiche agricole – ha spiegato Lucia Di Mauro, presidente dell’associazione per la valorizzazione della colatura Dop – Un anno che non poteva che concludersi con una festa meravigliosa che cresce ogni anno ed è occasione di confronto, arricchimento e, soprattutto, valorizzazione di questo straordinario prodotto».

La Festa della Colatura di Alici proseguirà domenica 3 dicembre con “Viva la colatura nuova”, menu-degustazione a base di colatura in tutti i ristoranti e le pizzerie di Cetara. Alle 19, presso la Torre Vicereale, sarà inaugurata la  mostra di pittura “Cetara, il gusto del mare”,  a cura dell’artista cetarese Matteo Corelli.  A seguire, presentazione della V Edizioni del libro   “158 Comuni, 258 ricette, filmati.  Salerno una Provincia da Gustare” con l’autore Enzo Landolfi, edito da Print Art Edizioni.

Share This Post!
  • Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
  • Osteria Signora Bettola               Napoli
    Osteria Signora Bettola Napoli
    Il ragù
  • Tenuta Romano                       Saviano (Na)
    Tenuta Romano Saviano (Na)
    Carrè di vitello
  • Casa Lerario                                   Melizzano (Bn)
    Casa Lerario Melizzano (Bn)
    Zampone allo zabaione
  • Vasinicola               Caserta
    Vasinicola Caserta
    Pasta e patate con la provola
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Tartare di gambero rosso con julienne di seppioline e mentuccia
  • Made in Food      Posillipo
    Made in Food Posillipo
    Penne lardiate nella pagnotta di Filosa
  • La Locanda del Profeta
    La Locanda del Profeta
    Lo Scarpariello di Simone Profeta
  • Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartare di tonno con funghi e tartufo
  • Taverna Estia          Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carne di Maiale
  • Taverna Estia               Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carciofi cotti in olio extravergine, affumicati e farciti con spuma al pecorino, guanciale e tartufo nero
  • La Bifora                                       Bacoli
    La Bifora Bacoli
    Salsiccia di pezzogna con i friarielli e panino al nero di seppia
  • Terrazza Calabritto Napoli
    Terrazza Calabritto Napoli
    aragosta
  • Pizza nel rutiello
    Pizza nel rutiello
    E' Guagliune Pomigliano d'Arco