Oro Bianco, l’arte di Maraucci incontra Pellone

Di : | 0 commenti | On : 10/05/2018 | Categorie: : Pizzerie

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Saranno famosi. Giovani pizzaioli ansiosi di scalare le classifiche social e di gradimento e di accomodarsi fra quelli che negli ultimi anni sono diventati i big del settore. Per dare visibilità alla loro arte arriva l’evento “Maggio Napoletano” ospitato dalla pizzeria “Oro bianco” di Piazza Nazionale. Dove il padrone di casa Antonio Maraucci ha ospitato Ciro Pellone.

DSC_0507 copia

Giovani ma già con una lunga storia alle spalle. Maraucci, cognome che evoca storie di mare, non a caso proviene dal Borgo Marinari. Non è entrato nel filone delle pescherie che ha reso famosa la famiglia ma si è accostato all’arte bianca. Marco Pellone invece è partito dalla Loggetta, la stessa zona dei fratelli Cannavaro. Il nonno era uno dei pizzaioli del Trianon. I due giovani pizzaioli si sono conosciuti un anno fa in occasione del “San Marzano day 2017”; accomunati dalla stessa passione, diventano amici e decidono di collaborare nella realizzazione di questa cena a “quattro pizze”.

La degustazione

La frittura mista “Oro bianco” è una vera sorpresa. Leggera e croccante. Panzarotti, frittatine, verdura in pastella, ciurilli oltre alle evergreen zeppoline di mare con bruschetta al pomodoro. E poi via libera alle pizze.

Frittura (1)

Antonio Maraucci ha presentato: asparagi, gamberetti, provola e scaglie di limone all’uscita

DSC_0500

e come seconda pizza: pesto, pomodorini del piennolo, ricotta e provola.

DSC_0510

Marco Pellone:  sono stati utilizzati peperoni verdi, pomodorini, provola e cacioricotta del Cilento

DSC_0519

seguita da quella con: pancetta, fior di latte, zucchine e foglie di menta.

DSC_0490

Come se non bastasse, il gran finale è stato una splendida marinara servita con la variante della foglia di basilico.

DSC_0523

Il tocco finale dolce è arrivato con le graffe del locale seguite a ruota da due vassoi delicatissimi di prodotti firmati dalla gelateria “Il Bacio” di Espedito Marino suocero di Maraucci e della pizzeria Oro Bianco che ha solo un anno di vita.

DSC_0530 DSC_0531

Share This Post!
  • Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
  • Osteria Signora Bettola               Napoli
    Osteria Signora Bettola Napoli
    Il ragù
  • Tenuta Romano                       Saviano (Na)
    Tenuta Romano Saviano (Na)
    Carrè di vitello
  • Casa Lerario                                   Melizzano (Bn)
    Casa Lerario Melizzano (Bn)
    Zampone allo zabaione
  • Vasinicola               Caserta
    Vasinicola Caserta
    Pasta e patate con la provola
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Tartare di gambero rosso con julienne di seppioline e mentuccia
  • Made in Food      Posillipo
    Made in Food Posillipo
    Penne lardiate nella pagnotta di Filosa
  • La Locanda del Profeta
    La Locanda del Profeta
    Lo Scarpariello di Simone Profeta
  • Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartare di tonno con funghi e tartufo
  • Taverna Estia          Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carne di Maiale
  • Taverna Estia               Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carciofi cotti in olio extravergine, affumicati e farciti con spuma al pecorino, guanciale e tartufo nero
  • La Bifora                                       Bacoli
    La Bifora Bacoli
    Salsiccia di pezzogna con i friarielli e panino al nero di seppia
  • Terrazza Calabritto Napoli
    Terrazza Calabritto Napoli
    aragosta
  • Pizza nel rutiello
    Pizza nel rutiello
    E' Guagliune Pomigliano d'Arco