Contrada Santo Spirito, il cru col sapore dell’Etna

Di : | 0 commenti | On : 08/01/2019 | Categorie: : AgriCultura

Palmento Costanzo Etna Doc
FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

di Pasquale Ranieri

PALMENTO COSTANZO PRESENTA “CONTRADA SANTO SPIRITO” ETNA DOC: IL PRIMO CRU DELL’ETNA NATO DA BOTTI OVUM PER BATONNAGE NATURALE

 Palmento Costanzo Etna Doc

Con l’idea di una elaborazione rispettosa dei ritmi naturali, ottenuto dalle migliori uve ultrasecolari, selezionate a mano da alberelli etnei  in regime biologico, di Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio, entrambi vitigni autoctoni, nasce “Contrada Santo Spirito” 2015 Etna Doc. E’ esclusiva la maturazione in Ovum, botti ovali di rovere francese da 2000 litri, per effetto di batonnage naturale.

 Palmento Costanzo Etna Doc

Dopo aver conseguito il primo “Tre Bicchieri” Gambero Rosso con il “Bianco di Sei” 2017 Etna Doc, Palmento Costanzo presenta la sua ultima novità, “Contrada Santo Spirito” 2015 Etna Rosso DOC, prodotta sull’Etna nell’area DOC, dove l’azienda vitivinicola inizia il suo progetto di valorizzazione della viticoltura etnea, recuperando un antico palmento Settecentesco, scolpito in pietra lavica, attraverso un prezioso restauro conservativo di bioarchitettura.

A Passopisciaro, versante nord dell’Etna, zona ad alta vocazione vitivinicola, Palmento Costanzo custodisce dieci ettari di viti ad alberello, vere e proprie sculture della natura ed emblema identitario di questa terra. Le vigne animano la contrada Santo Spirito, abbracciano il palmento ritornato alla sua funzione originale di cantina, e crescono in regime biologico, su più di cento terrazzamenti definiti da muretti a secco di pietra lavica che risalgono le pendici del vulcano dai 650 agli 800 metri di altitudine. La vendemmia è un inno alla vita e alla memoria di questa terra, e viene effettuata esclusivamente a mano.

 

Approfondimento: Contrada Santo Spirito 2015 Etna DOC Rosso

Il nome vuole ricordare l’origine del luogo di provenienza delle uve, della cantina e, dulcis in fundo, del progetto aziendale. Rappresenta una piccola produzione di pregio di sole 5.000 bottiglie, frutto della vendemmia 2015, svolta alla fine di Ottobre. E’ un vino ottenuto dalla selezione dei grappoli, raccolti a mano da “alberelli” ultrasecolari, scegliendo con cura e attenzione le migliori uve  di Nerello Mascalese e, in parte minore, di Nerello Cappuccio, entrambi vitigni autoctoni dell’Etna e patrimonio inestimabile di questo terroir.

Il vigneto di contrada Santo Spirito ha un suolo composto al 70% da sabbie vulcaniche nere e brune e, per il restante, di sassi e rocce effusive. Elementi che conferiscono al vino mineralità e struttura. Le viti sono esposte a Nord, sui terrazzamenti più alti, tra 700 e 800 metri d’altitudine. La resa media per ettaro è di 0,5 kg per pianta (28 Hl/Ha). La sensibile escursione termica giorno/notte caratterizza la contrada con un microclima idoneo a sviluppare al meglio le componenti aromatiche più fini ed eleganti.

In cantina, dopo circa venti giorni di macerazione sulle bucce, la fermentazione è in botti Ovum, tini dalla forma ovoidale, le cui proporzioni si rifanno alla celebre sezione aurea, pensati per i vini più pregiati. Questa speciale botte di rovere, in cui il vino matura per 24 mesi (per riposare un altro anno in bottiglia), ha una capienza di duemila litri di vino ed è stata creata (2010) dalle sapienti mani degli artigiani francesi per migliorare la micro-ossigenazione naturale del vino e conferirgli così un gusto più fine. Durante la maturazione, il vino si muove solo per effetto di moti convettivi dati dal batonnage naturale.

“Questo nuovo vino – commenta Valeria Agosta, produttrice dell’azienda – rappresenta il vertice della nostra produzione e esprime l’anima più profonda del nostro terroir, in cui è fondamentale il legame con l’Etna: abbiamo perciò selezionato le vigne più antiche (spesso con oltre un secolo di vita) e abbiamo prestato la massima cura a ogni particolare, per ottenere un prodotto del quale siamo orgogliosi”.

“Il nostro obiettivo – spiega Nicola Centonze, enologo dell’azienda – è quello di valorizzare le specificità del nostro territorio, assecondando la natura in modo poco invadente”.

Molto interessante anche il rapporto qualità-prezzo: Contrada Santo Spirito 2015 Etna DOC Rosso sarà disponibile a un prezzo medio al pubblico di euro 36-40 euro nelle enoteche italiane. Le altre linee sono: Mofete Etna Bianco, Mofete Etna Rosato e Mofete Etna Rosso della linea classica, tutti DOC, ottenute da vigne più giovani, che non superano i 30 anni d’età; e “Bianco di Sei” Etna Bianco DOC e “Nero di Sei” Etna Rosso DOC della linea superiore, da vigne più vecchie, con alcune piante di età superiore ai 100 anni.

Share This Post!
  • Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Frittura di gamberi e calamari
  • Mattina 8
    Mattina 8
  • Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Montanara con la Genovese
  • Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
  • La Lanterna Mugnano del Cardinale
    La Lanterna Mugnano del Cardinale
    Paella Valenciana
  • Osteria Signora Bettola               Napoli
    Osteria Signora Bettola Napoli
    Il ragù
  • Risotto
    Risotto
    Paolo Gramaglia
  • Tenuta Romano                       Saviano (Na)
    Tenuta Romano Saviano (Na)
    Carrè di vitello
  • Casa Lerario                                   Melizzano (Bn)
    Casa Lerario Melizzano (Bn)
    Zampone allo zabaione
  • Vasinicola               Caserta
    Vasinicola Caserta
    Pasta e patate con la provola
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Tartare di gambero rosso con julienne di seppioline e mentuccia
  • Made in Food      Posillipo
    Made in Food Posillipo
    Penne lardiate nella pagnotta di Filosa
  • Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartare di tonno con funghi e tartufo
  • Taverna Estia          Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carne di Maiale
  • Taverna Estia               Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carciofi cotti in olio extravergine, affumicati e farciti con spuma al pecorino, guanciale e tartufo nero
  • La Bifora                                       Bacoli
    La Bifora Bacoli
    Salsiccia di pezzogna con i friarielli e panino al nero di seppia
  • Terrazza Calabritto Napoli
    Terrazza Calabritto Napoli
    aragosta
  • Zeppola di San Giuseppe
    Zeppola di San Giuseppe
    Sabatino Sirica