Ciro Magnetti, vita da Campione del Mondo

Di : | 0 commenti | On : 26/11/2019 | Categorie: : Pizzerie

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

di Luigi Vitale

“Il vincitore della 18ema edizione del Trofeo Caputo-pizza napoletana STG è…Ciro Magnetti”.
Le ricorderà sicuramente a lungo queste parole il pizzaiolo napoletano che ha trionfato lo scorso settembre alla manifestazione del campionato mondiale della pizza per la categoria pizza napoletana STG.


Ho desiderato più volte di arrivare a questo traguardo-racconta Ciro Magnetti-e dopo varie partecipazioni quest’anno ho finalmente coronato il mio sogno. Una soddisfazione unica, che ripaga tutti i sacrifici professionali che ho fatto finora”.
Sacrifici che iniziano fin da ragazzino, da quando Ciro iniziò a lavorare come aiutante calzolaio in una bottega al centro storico di Napoli.
Un mestiere che però non gli apparteneva perché, proprio accanto a questa bottega, c’era la pizzeria del Maestro Pizzaiolo Gennaro Giustiniani e Ciro, che tra l’altro è ghiotto delle sue pizze, si incuriosisce e decise di intraprendere l’attività di pizzaiolo.
“È grazie al Maestro Giustiniani se oggi sono arrivato fin qui-racconta il pizzaiolo campione del mondo. Avevo tanta voglia di apprendere ed è per questo che mi proposi a lavorare con lui, con l’intento di imparare i trucchi del suo mestiere”.


Il pizzaiolo Giustiniani, dall’alto della sua esperienza, vede in Ciro un ragazzo molto volenteroso ed è pronto a dargli un’opportunità.
Una fiducia che viene ripagata fin da subito!
Per apprendere le tecniche dell’impasto del Maestro Pizzaiolo, infatti, l’aspirante pizzaiolo decise per un periodo di tempo di arrivare in pizzeria il mattino presto, ancora prima dell’alba: era in quel momento della giornata che il Maestro preparava l’impasto delle sue pizze.
Un’opportunità non indifferente che Ciro non si lascia di certo scappare.
Ho iniziato a preparare le prime pizze-racconta il pizzaiolo-con il suo aiuto, anche se alcune tecniche l’ho dovute apprendere adocchiandolo da lontano perché il Maestro era molto geloso del suo mestiere”.
Susseguono tre anni in pizzeria ricchi di gavetta e di apprendimento. Successivamente, il pizzaiolo si presta ad altre esperienze in altre pizzerie storiche di Napoli. Poi si punta all’estero: dunque Dubai e Londra.

Ciro si sente sempre più pronto a lavorare autonomamente ed è per questo che cresce in lui l’esigenza di aprire una pizzeria tutta sua.
È l’anno 2013 e dopo tanti sacrifici a Melito viene inaugurata la pizzeria “Olio&Pomodoro Doc”, la prima pizzeria di Ciro Magnetti.
Dopo l’apertura della mia pizzeria-racconta-volevo assolutamente confrontarmi con altri miei colleghi pizzaioli, con l’intento di migliorarmi sempre di più. Ed è per questo che dal 2015 ho iniziato a partecipare ai campionati mondiali della pizza organizzati dal Mulino Caputo”.
Proprio al primo anno di partecipazione, Ciro riesce a vincere il suo primo trofeo, piazzandosi al primo posto per la categoria “Pizza al Metro”.

La “sua” pizza “Terra Mia” è dedicata a Pino Daniele e di cui ingredienti valorizzano ed esaltano prodotti tipici campani.
Una soddisfazione immensa-racconta il pizzaiolo ricordando quel momento-anche perché il destino ha voluto che il sindaco De Magistris, presente alla manifestazione, si trovasse al posto giusto”.
Il primo cittadino di Napoli “inaugura”, infatti, la pizza a metro di Ciro Magnetti, assaggiandola per primo. Un “battesimo” che risulterà fortunato visti i risultati.
Ma le sorprese non finiscono qui.
Nel 2018 arrivano altri trofei: il primo, conferito dell’Associazione Pizzaiuoli, viene attributo a Ciro per l’ideazione della pizza Amatrice, in memoria degli abitanti della cittadina che nello stesso anno è stata scossa dal terremoto.
Il secondo trofeo, invece, premia l’avanguardia di Ciro di ideare pizze e rapportarle ad eventi di attualità.
La pizza “Il Nuovo Governo” (che prende spunto dell’alleanza dei partiti politici del Movimento 5 Stelle e Lega Nord, n.d.r.) non solo permette Ciro di trionfare al primo posto nella categoria “Pizza di Stagione” ma addirittura gli fa valere i complimenti attraverso Facebook del capo politico dei 5 Stelle, ovvero Luigi Di Maio.

Napoli18 settembre 2019 Trofeo Caputo
E’ Ciro Magnetti Il campione del mondo dei pizzaioli nella specialità pizza napoletana.
By Mulino Caputo / ph: Renna De Maddi

Quest’anno arriva dunque il punto più alto della carriera del pizzaiolo, trionfando, dopo esserci andato vicino nel 2016 (arrivando secondo, n.d.r.) alla manifestazione del campionato mondiale della pizza per la categoria pizza napoletana STG.
Ricordando il mio trionfo-racconta ancora con emozione Ciro-ci tengo a ringraziare in particolar modo la famiglia Caputo, ideatrice dell’evento, l’azienda casearia Sorì e il presidente dell’APN, Sergio Miccù”.
Ma un campione del mondo, raggiungendo il punto più alto della sua carriera da pizzaiolo, cosa vede nel futuro?
Di certo-conclude Ciro-sento una maggiore responsabilità che mi spinge a fare ancora meglio. Voglio puntare ancora a migliorarmi, per migliorare sempre di più le tecniche del mio impasto”.
In attesa di altri trofei

Pizzeria Olio&Pomodoro DOC
Corso Europa, 272
80017 Melito di Napoli(NA)

Share This Post!
  • Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Frittura di gamberi e calamari
  • Mattina 8
    Mattina 8
  • Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Montanara con la Genovese
  • Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
  • La Lanterna Mugnano del Cardinale
    La Lanterna Mugnano del Cardinale
    Paella Valenciana
  • Osteria Signora Bettola               Napoli
    Osteria Signora Bettola Napoli
    Il ragù
  • Risotto
    Risotto
    Paolo Gramaglia
  • Tenuta Romano                       Saviano (Na)
    Tenuta Romano Saviano (Na)
    Carrè di vitello
  • Casa Lerario                                   Melizzano (Bn)
    Casa Lerario Melizzano (Bn)
    Zampone allo zabaione
  • Vasinicola               Caserta
    Vasinicola Caserta
    Pasta e patate con la provola
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Tartare di gambero rosso con julienne di seppioline e mentuccia
  • Made in Food      Posillipo
    Made in Food Posillipo
    Penne lardiate nella pagnotta di Filosa
  • Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartare di tonno con funghi e tartufo
  • Taverna Estia          Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carne di Maiale
  • Taverna Estia               Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carciofi cotti in olio extravergine, affumicati e farciti con spuma al pecorino, guanciale e tartufo nero
  • La Bifora                                       Bacoli
    La Bifora Bacoli
    Salsiccia di pezzogna con i friarielli e panino al nero di seppia
  • Terrazza Calabritto Napoli
    Terrazza Calabritto Napoli
    aragosta
  • Zeppola di San Giuseppe
    Zeppola di San Giuseppe
    Sabatino Sirica