pepe nero

Di : | 0 commenti | On : 19/03/2019 | Categorie: :

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

pepe nero

Il  pepe nero è figlio di liane tropicali che sono state ricondotte all’intero della specie Piper nigrum, famiglia delle Piperaceae. Il suo nome deriva dal sanscrito pilpali, che divenne poi piper in latino, termine che oggi è radice del nome che questa spezia assume nei vari linguaggi, dal tedesco pfeffer al francesce poivre. Si tratta di una pianta rampicante perenne, che cresce bene nella fascia che va dai 20 gradi a sud e a nord dell’equatore. Richiede infatti una forte umidità e una piovosità compresa fra i 2000 e i 3000 mm all’anno. Arrampicandosi arriva a superare i 10 metri di altezza. La pianta del pepe presenta foglie ovali e coriacee, fiori piccoli e frutti rappresentati da drupe rosse che contengono un solo seme.

Il pepe nero che troviamo in commercio è proprio quel singolo seme che viene fatto essiccare. La prima raccolta viene fatta durante il terzo anno di vita della pianta, mentre i primi due anni normalmente i frutti vengono tolti per consentire una crescita ottimale dell’apparato vegetativo. Il picco di produzione avviene fra il quinto e il settimo anno, poi inizia a diminuire gradualmente. La raccolta avviene quanto i frutti iniziano a virare dal verde al rosso, dopo di che vengono messi a essiccare al sole o a una fonte artificiale di calore. Il pepe bianco viene invece ottenuto dai frutti maggiormente maturi. Il colore bianco si ottiene eliminando la pellicina esterna del seme attraverso bagni d’acqua o con l’uso dei solventi. Il pepe bianco risulta meno piccante del nero, ma anche meno aromatico e più delicato. Se le drupe vengono raccolte acerbe e conservate in salamoia otteniamo invece il pepe verde, dal gusto più acerbo, meno piccante ma più aromatico rispetto al pepe nero.

In commercio si trovano moltissimi tipi di pepe, in grado di distinguersi per forma, aromaticità e provenienza. C’è quello del Brasile, dello Sri Lanka, di Mangalore, Malabar, di Saigon, e l’ormai famoso pepe di Sarawak. Quest’ultimo si  distingue per un gusto asciutto, fruttato, fresco, in grado di accompagnare anche preparazioni a base di frutta. In cucina il pepe ha il ruolo di comprimario, in grado di sostenere e vivacizzare molte preparazioni. Difficilmente svolge un ruolo da protagonista, se non in alcuni casi come il panpepato in alcune regioni del centro, oppure la peverada e la pearà in Veneto. Esistono poi numerose spezie che chiamiamo pepe, ma che in realtà sono altro.

Share This Post!
  • Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Frittura di gamberi e calamari
  • Mattina 8
    Mattina 8
  • Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Montanara con la Genovese
  • Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
  • La Lanterna Mugnano del Cardinale
    La Lanterna Mugnano del Cardinale
    Paella Valenciana
  • Osteria Signora Bettola               Napoli
    Osteria Signora Bettola Napoli
    Il ragù
  • Risotto
    Risotto
    Paolo Gramaglia
  • Tenuta Romano                       Saviano (Na)
    Tenuta Romano Saviano (Na)
    Carrè di vitello
  • Casa Lerario                                   Melizzano (Bn)
    Casa Lerario Melizzano (Bn)
    Zampone allo zabaione
  • Vasinicola               Caserta
    Vasinicola Caserta
    Pasta e patate con la provola
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Tartare di gambero rosso con julienne di seppioline e mentuccia
  • Made in Food      Posillipo
    Made in Food Posillipo
    Penne lardiate nella pagnotta di Filosa
  • Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartare di tonno con funghi e tartufo
  • Taverna Estia          Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carne di Maiale
  • Taverna Estia               Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carciofi cotti in olio extravergine, affumicati e farciti con spuma al pecorino, guanciale e tartufo nero
  • La Bifora                                       Bacoli
    La Bifora Bacoli
    Salsiccia di pezzogna con i friarielli e panino al nero di seppia
  • Terrazza Calabritto Napoli
    Terrazza Calabritto Napoli
    aragosta
  • Zeppola di San Giuseppe
    Zeppola di San Giuseppe
    Sabatino Sirica