Crocchè di patate

28/08/2018
FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Crocchè di patate, ingrediente principale: patate

Il crocchè di patate, a Napoli conosciuto come “Panzarotto“ è un classico della cucina napoletana, che accoppiato con la famosa zeppola, formano un ottimo Street food. La preparazione del crocchè di patate, non è difficile, ma bisogna fare molta attenzione alla preparazione dell’impasto, che deve risultare compatto, non molle, in modo che non si sfaldi durante la cottura. Si può terminare la lavorazione con una panatura, oppure preparare i crocchè con largo anticipo, e lasciarli riposare in frigorifero anche per una intera notte prima di friggerli.

Crocchè di patate, ingredienti :

  • 1KG patate
  • 250gr. Provola
  • 250gr. Prosciutto cotto
  • 2 uova
  • Pepe q.b.
  • Sale fino q.b
  • 150gr pecorino grattugiato
  • Olio di semi di arachidi per friggere

Crocchè di patate, procedimento:

Per preparare i crocchè napoletani, iniziate con lavare e lessare le patate, controllate con una forchetta il grado di cottura, a cottura ultimata, scolatele, pelatele e lasciatele raffreddare completamente prima di schiacciarle. Nel frattempo tagliate la provola e il prosciutto cotto a dadini e/o striscioline, disponeteli su un di un piatto e riponete in frigo ad asciugare.
Recuperate in una ciotola le patate schiacciate, unite il sale, il pepe, il pecorino, e le uova, amalgamate bene tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo. Adesso passiamo a preparare i crocchè, con le mani leggermente bagnate prelevate un poco d’impasto, mettete al centro un poco di provola di prosciutto cotto, richiudete l’impasto dando una forma cilindrica classica dei crocchè. Ripetete l’operazione fino ad esaurimento dell’impasto. Disponeteli su un piatto da portata, che metterete in frigo a riposare per almeno quattro ore.
Trascorso questo tempo, mettete abbondante olio di arachidi in una padella, posizionatela sulla fiamma abbastanza forte, appena risulterà essere bollente, iniziate la frittura dei crocchè, regolando mano a mano la fiamma. Quando saranno ben dorati prelevateli e adagiateli su di un vassoio con carta assorbente, in modo da eliminare l’olio in eccesso, serviteli subito, belli caldi in modo che la provola all’interno risulti filante.

 

 

Cuochi si nasce e lui lo..

Altri piatti dell'autore »
Media votazione lettori

(4 / 5)

4 5 1
Vota questa ricetta

1 lettori hai votato questa ricetta

Ricette correlate:
  • Scaloppine di maiale con salsa alla mela annurca e cipolla ramata

  • Vermicelli alla Nerano

  • Riso e verza

  • Pasta e piselli

  • Cozze gratinate, con fiori di zucca e Provolone del Monaco Dop

  • Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
  • Osteria Signora Bettola               Napoli
    Osteria Signora Bettola Napoli
    Il ragù
  • Tenuta Romano                       Saviano (Na)
    Tenuta Romano Saviano (Na)
    Carrè di vitello
  • Casa Lerario                                   Melizzano (Bn)
    Casa Lerario Melizzano (Bn)
    Zampone allo zabaione
  • Vasinicola               Caserta
    Vasinicola Caserta
    Pasta e patate con la provola
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Tartare di gambero rosso con julienne di seppioline e mentuccia
  • Made in Food      Posillipo
    Made in Food Posillipo
    Penne lardiate nella pagnotta di Filosa
  • Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartare di tonno con funghi e tartufo
  • Taverna Estia          Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carne di Maiale
  • Taverna Estia               Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carciofi cotti in olio extravergine, affumicati e farciti con spuma al pecorino, guanciale e tartufo nero
  • La Bifora                                       Bacoli
    La Bifora Bacoli
    Salsiccia di pezzogna con i friarielli e panino al nero di seppia
  • Terrazza Calabritto Napoli
    Terrazza Calabritto Napoli
    aragosta
  • Pizza caprese
    Pizza caprese
    Salvatore Vesi a Caserta