Vermicelli con la granceola

02/10/2019
  • Per quante persone? 4
  • Tempo di preparazione: 60min
  • Tempo di cottura 20min
FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Vermicelli con la granceola, ingrediente principale: granceola

il nome di questo granchio deriva dal dialetto veneto, unione di due nomi, granchio e cipolla, per la sua forma caratteristica (granzo/seola). La granceola è sprovvista di chele, raggiunge i 20 cm di lunghezza, e vive nel mediterraneo e nell’atlantico. Essendo priva di chele, per difendersi si mimetizza nel fango, e nelle alghe, che prima della cottura vanno eliminate con una spazzola dalle setole dure, altrimenti il sapore potrà risultare amaro.

Vermicelli con la granceola, ingredienti per quattro persone:

  • vermicelli 350 gr
  • granceola 700/800 gr
  • aglio uno spicchio
  • pomodorini 5/6
  • brandy un bicchierino
  • brodo di pesce un bicchiere
  • sale q.b
  • prezzemolo q.b
  • pepe secondo i gusti

Vermicelli con la granceola, procedimento:

Lessate la granceola per 20-30 minuti, sgocciolatela, staccate zampe e pinze, aprite il corpo facendo leva sotto gli occhi. In una ciotola raccogliete tutta la polpa (estraendola con l’aiuto di una molla da cucina), le uova che sono di colore arancione e sono disposte a grappolo, i frammenti di carne rossa. Quindi estraete con molta cura le parti carnose anche dalle zampe e dalle pinze. Preparate il brodo: mettete le zampe e le pinze della granceola in una casseruola, aggiungete mezzo litro d’acqua e fate bollire per circa 20 minuti, ritirate, filtrate, regolate con parsimonia il sale. In una capiente padella scaldate l’olio evo, fatevi dorare lo spicchio d’aglio e i pomodorini spezzettati, eliminate l’aglio. Aggiungete la polpa di granceola, mescolate, spruzzate il brandy e lasciatelo evaporare, quindi versate un bicchiere di brodo di pesce, fate restringere leggermente il composto, regolate il sale. Lessate i vermicelli in abbondante acqua salata a bollore, colateli direttamente nella padella, amalgamate il tutto, una manciata di prezzemolo tritato e servite ben caldi

Cuochi si nasce e lui lo..

Altri piatti dell'autore »
Media votazione lettori

(5 / 5)

5 5 1
Vota questa ricetta

1 lettori hai votato questa ricetta

  • Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Ristorante Mesa San Giorgio a Cremano
    Frittura di gamberi e calamari
  • Mattina 8
    Mattina 8
  • Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Pizzeria Fratelli Salvo Riviera di Chiaia Napoli
    Montanara con la Genovese
  • Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
    Provolone del Monaco Dop
  • La Lanterna Mugnano del Cardinale
    La Lanterna Mugnano del Cardinale
    Paella Valenciana
  • Osteria Signora Bettola               Napoli
    Osteria Signora Bettola Napoli
    Il ragù
  • Risotto
    Risotto
    Paolo Gramaglia
  • Tenuta Romano                       Saviano (Na)
    Tenuta Romano Saviano (Na)
    Carrè di vitello
  • Casa Lerario                                   Melizzano (Bn)
    Casa Lerario Melizzano (Bn)
    Zampone allo zabaione
  • Vasinicola               Caserta
    Vasinicola Caserta
    Pasta e patate con la provola
  • Riccio La Locanda del Mare                    Baia
    Riccio La Locanda del Mare Baia
    Tartare di gambero rosso con julienne di seppioline e mentuccia
  • Made in Food      Posillipo
    Made in Food Posillipo
    Penne lardiate nella pagnotta di Filosa
  • Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartufi che Passione Baccalà la tentazione
    Tartare di tonno con funghi e tartufo
  • Taverna Estia          Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carne di Maiale
  • Taverna Estia               Brusciano
    Taverna Estia Brusciano
    Carciofi cotti in olio extravergine, affumicati e farciti con spuma al pecorino, guanciale e tartufo nero
  • La Bifora                                       Bacoli
    La Bifora Bacoli
    Salsiccia di pezzogna con i friarielli e panino al nero di seppia
  • Terrazza Calabritto Napoli
    Terrazza Calabritto Napoli
    aragosta
  • Zeppola di San Giuseppe
    Zeppola di San Giuseppe
    Sabatino Sirica